, ,

10 cose che non sai sul tuo cervello

Ecco dieci curiosità che riguarda l’organo più misterioso e affascinante del nostro corpo, il cervello. Buona lettura!

1. Vi è possibile impiantare falsi ricordi
Scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche francese, sono riusciti ad impiantare nel cervello di cinque topi, durante il sonno, un falso ricordo relativo al posto in cui era nascosto del cibo. Al risveglio, gli animali si sono diretti autonomamente verso il luogo indicato dalla memoria artificiale. Per adesso, comunque, è ancora impossibile prevedere se anche la memoria umana possa essere manipolata allo stesso modo.

2. È plastico
E’ risaputo, ma lo è oltre ogni immaginazione e continua ad esserlo anche in età adulta
. Uno studio effettuato sul cervello di 79 tassisti londinesi alle prime armi, ha mostrato che inizialmente, i cervelli dei partecipanti non mostravano differenze significative in termini di struttura e memoria; ma dopo qualche anno di esperienza, gli scienziati hanno notato che mandare a memoria lo stradario della capitale britannica, aveva provocato dei cambi a livello strutturale nel loro cervello, soprattutto migliorie per quel che riguarda le capacità mnemoniche.

3. Perchè sono qui?
Sarà capitato a tutti di andare in camera e non ricordarsi per quale motivo.
La scienza ha spiegato perché succede: il cervello, nel momento in cui abbandoniamo una stanza, crea nuovi capitoli di memoria, rendendo più difficile recuperare le informazioni precedentemente “caricate”. Un altro studio, mostra inoltre che è sufficiente immaginare di entrare in un’altra camera per cancellare le memorie a breve termine.

4. Tutto grasso
Più della metà del cervello
(il 60%, per la precisione) è fatta di grasso, che è fondamentale per il suo funzionamento. Infatti, le molecole che compongono le membrane dei neuroni sono cruciali per il mantenimento dell’integrità cerebrale. Che è fondamentale per il funzionamento dell’organo: le molecole di acidi grassi essenziali che compongono le membrane dei neuroni sono infatti cruciali per il mantenimento dell’integrità cerebrale (tali molecole vengono ricavate dagli alimenti che mangiamo).

5. Incolmabile
A differenza dei comuni hard disk presenti nei nostri computer, il nostro cervello ha una memoria praticamente illimitata. Un motivo in più per non smettere mai di apprendere e di conoscere. Il professore di psicologia Paul Reber, ci dice che il nostro cervello è composto da circa un miliardo di neuroni collegati da oltre mille miliardi di connessioni. Ogni neurone, combinandosi con gli altri, conserva diverse informazioni contemporaneamente, dando di fatto una capacità di memoria al cervello pari a 2,5 petabyte. Abbastanza per guardare la nostra amata tv per oltre 300 anni di seguito.

6. Intestino e cervello sono connessi
La composizione flora batterica intestinale, secondo studi, influenza il consumo di vitamina B6,
collegata a sua volta a malattie autoimmuni come la sclerosi multipla e disturbi dello sviluppo come l’autismo.

7. Destrorsi e mancini non sono speculari
Infatti, i primi usano la maggior misura dell’emisfero sinistro, mentre i secondi non utilizzano emisfero più di un altro. L
a maggior parte dei meccanismi cerebrali, tra cui, l’elaborazione del linguaggio, la creatività e l’intelligenza, non sono nettamente separate tra emisfero destro e sinistro.

8. Succhia-energia
L’organo che pesa circa il 2% di tutto il corpo, consuma 3 volte più dell’ossigeno usato dai muscoli (consuma il 15% di ossigeno e 25% di glucosio in circolo nel sangue!). L’87% dell’energia viene utilizzato per l’invio, a decodifica e la ricezione dei segnali elettrici; il restante 13% per mantenere il potenziale a riposo delle membrane.

9. Non può sentire dolore
Non avendo alcun recettore, non percepisce dolore a differenza della pelle, dei muscoli e delle articolazioni. Proprio per questo
i neurochirurghi possono operare il cervello senza causare dolore al paziente (in rari casi, addirittura mentre il paziente è sveglio). Il famoso mal di testa, è dovuto semplicemente alle membrane protettive del cervello, la dura madre e la pia madre.

10. È potente
Attenzione! Per potenza, ci riferiamo alla grandezza fisica stricto sensu, quella che descrive l’energia utilizzata nell’unità di tempo. L’encefalo, per farvi un esempio, produce energia pari a quella necessaria per alimentare una lampadina a incandescenza da 30/35 Watt.

 

Sarà solo un caso che il simbolo delle idee geniali sia proprio la lampadina?

Ti potrebbero interessare: