, , ,

Android Marshmallow | Tutte le novità sulla release 6.0 di casa Google

Android Marshmallow

Dopo mesi di attesa, proprio in questi giorni, sta avvenendo il rilascio di Android Marshmallow, la versione 6.0 del comune sistema operativo per smartphone e tablet. In questo articolo, parleremo di tutti i cambiamenti, le correzioni e le nuove funzionalità che ci saranno rispetto a Lollipop. Ma non perdiamoci in chiacchiere e vediamo il motivo per cui la nuova release si rivelerà essere un grande succcesso.

Android Marshmallow: Modifiche UIAndroid Marshmallow

Iniziamo con l’interfaccia utente che, rispetto Lollipop, non mostra particolari cambiamenti. Alcune impostazioni, come quella della priorità di notifica, sono state relegate nelle “Impostazioni rapide“. All’occhio, con Android Marshmallow, risulterà diversa la Google Search Bar, molto più colorata rispetto a prima. Ci sarà a disposizione anche un nuovo “cassetto” di app di cui ti parleremo più avanti. Inoltre, anche la selezione del testo ha avuto qualche piccola miglioria.

Android Marshmallow: Nuovo “Cassetto” app

Uno dei più grandi cambiamenti rispetto a Lollipop, è sicuramente il nuovo “cassetto” app. Questo, che sin da Jelly Bean era posizionato in orizzontale sullo schermo, è stato adesso sostituito da un cassetto posto in verticale. Ciò permette una navigazione molto più veloce in quanto mette fine allo scorrimento in senso orizzontale delle pagine per trovare l’app da noi desiderata. Molto importante è sicuramente l’introduzione di una barra di ricerca dedicata alle sole app. Con questa barra, è possibile cercare rapidamente l’app desiderata, premendo semplicemente la lettera iniziale del nome dell’applicazione stessa. Sicuramente una gradita aggiunta!

Android Marshmallow: Google Now on TapAndroid Marshmallow

Altra aggiunta importante è sicuramente quella che riguarda Google Now on Tap. L’obiettivo di Now on Tap è quello di fornire informazioni molto più rapidamente rispetto alla classica ricerca che andiamo ad effettuare sul classico browser web. Ad esempio, se ci viene consigliato un posto da visitare, non dobbiamo più abbandonare la nostra conversazione, ma ci basterà semplicemente collegarci a Now on Tap premendo semplicemente a lungo il tasto Home.

Now on Tap è stato implementato su Android Marshmallow ma necessita sicuramente di nuovi aggiornamenti per funzionare al top, cosa che Google sta già facendo con l’introduzione di una lista contenente migliaia di parole chiave.

Android Marshmallow: Chrome Custom tabsAndroid Marshmallow

Chrome Custom Tabs è un’altra applicazione che troveremo con Android Marshmallow, in realtà poco pubblicizzata da Google. L’utilità di questa app, è quella di creare delle schede personalizzate. Si apre essenzialmente una scheda su Chrome tramite l’app dedicata e si personalizza in base alle proprie esigenze, eliminando tutti quei plug o estensioni che rendono solitamente lento il browser, come avviene nei casi di applicazioni come Pinterest, Facebook, Twitter, e altri. Purtroppo, al momento, non possiamo fornirti degli esempi.

Android Marshmallow: autorizzazioni per le appAndroid Marshmallow

Avere un maggiore controllo sulle autorizzazioni delle applicazioni, è una richiesta di lungo corso fatta dagli utenti che utilizzano Android. Con la release di Android Marshmallow, è possibile definire le autorizzazioni per le varie app, avendo a disposizione, forse per la prima volta, il più alto controllo delle autorizzazioni mai avuto prima.Se si utilizza l’icona ingranaggio nell’angolo in alto a destra della sezione Apps in Impostazioni, è possibile vedere quali applicazioni utilizzano determinate autorizzazioni sul dispositivo.

Nel menu Impostazioni, è possibile accedere alle autorizzazioni per le applicazioni e scegliere impostare o modificare a seconda delle necessità. Per evitare potenziali conflitti con la modifica di un permesso, Google ha introdotto un sistema integrato che alimenta i dati falsi per l’applicazione, senza incorrere in qualche crash del dispositivo. Detto questo, ti sconsigliamo di disattivare autorizzazioni “vitali”, come il permesso dedicato all’applicazione Fotocamera.

Android Marshmallow: Modalità Doze

La modalità Doze è stata studiata per migliorare l’utilizzo della batteria in modalità standby. Nel momento in cui imposterai questa modalità, il dispositivo ignorerà qualsiasi cosa, come se fosse spento più che in standby. Provata su un Nexus 5, il riscontro è stato quello di ottenere una batteria scarica anche dopo una settimana. Purtroppo,  però, ci sono alcuni problemi in quanto la modalità Doze si attiva dopo che il telefono è in standby da molto tempo. Non so tu, ma io controllo il mio smartphone almeno ogni 10 minuti, quindi non è una modalità adatta a me!

Un altro problema, è che la modalità Doze può essere ignorata dalle applicazioni se queste hanno una priorità alta. In prospettiva, è un’aggiunta di tutto rispetto ma che merita sicuramente un pò di attenzione per funzionare al meglio.

Android Marshmallow: App LinkAndroid Marshmallow

App Links è un’altra caratteristica che vedrai implementata con Android Marshmallow. Ricordi tutte quelle volte che, cliccando su un link, ti si apre una tendina che ti chiede se vuoi aprire quel link col browser o con l’applicazione dedicata? Bene, App Link mira a rimuovere questo passaggio, dando la priorità alle applicazioni dedicate (se installate sul dispositivo) piuttosto che al browser, facendo risparmiare tempo. L’eccezione ci sarà nel momento in cui, sul tuo dispositivo, avrai installato due browser. E ‘una piccola cosa, ma contribuisce ad una più efficace e perfetta esperienza tra Android e le applicazioni.

Android Marshmallow: Si poteva fare di più?

Dopo aver parlato di tutte le novità che troveremo con Android Marshmallow, è naturale porsi una domanda: si poteva fare di più? La nostra risposta è SI e ti spiegheremo anche in breve il perchè. Sebbene sia molto migliorato rispetto a Lollipop, nessun sistema operativo è perfetto e, di conseguenza, anche Android Marshmallow ha la sua dose di difetti.
Il primo riguarda sicuramente la modalità Doze che, come dicevamo in precedenza, sembra destinata ad avere problemi. Un’applicazione del genere, utilissima e che sarebbe un toccasana per tutti i dispositivi che montano Marshmallow, poteva essere tranquillamente implementata con gli aggiornamenti successivi piuttosto caricata con tutte le pecche del caso. Altra falla che lascia delusi molti utenti, è la rimozione del tema scuro, forse il più utilizzato tra i temi presenti nelle vecchie versioni del sistema operativo. La volontà di Google di far usare con più frequenza la ricerca vocale, rimuovendo il combinatore telefonico dalla schermata di blocco, poi, non è stato un colpo di genio.
Inoltre, più volte è stato detto che una delle idee di Google è quella di implementare patch di sicurezza mensili sui dispositivi, ma come si può facilmente intuire, queste, probabilmente, impiegheranno un bel pò di tempo per raggiungere tutti i device.

Android Marshmallow: Conclusioni

Nel complesso, Marshmallow è un grande passo in avanti rispetto a Lollipop. Come hai potuto leggere nell’articolo, non c’è un cambiamento sostanziale nell’interfaccia utente, ma questo è quasi ovvio in  quanto non possiamo aspettarci un rinnovamento grafico ad ogni release. Android Marshmallow è perfetto? Sicuramente no, si poteva pensare ad un rilascio un pò più tardivo per consentire di migliorare ulteriormente le novità che porterà con se questa release, ma ci troviamo sicuramente di fronte ad un sistema operativo molto più stabile, molto più aggiornato, molto più efficiente e affidabile rispetto alla versione Lollipop 5.1, che col tempo potrà sicuramente dar vita ad una nuova generazione di sistemi operativi mobile.

Hai un dispositivo che monta Android ma non sai se riceverà l’aggiornamento a Marshmallow? Forse allora potrebbe interessarti questo articolo: Aggiornamento Android Marshmallow | Ecco tutti i dispositivi che lo riceveranno

Ti potrebbero interessare: