, , , ,

Beentouch | Videochiamate in alta qualità con basso consumo di dati

Beentouch

Negli ultimi giorni sicuramente ti sarà capitato di vedere in TV lo spot pubblicitario (riportato qui di seguito) di una nuova App, stiamo parlando di Beentouch! Sicuramente alla visione di questo spot ti sarai posto una domanda: Che cos’è Beentouch? O se già ne avessi intuito la sua funzionalità principale ti sarai chiesto come funziona Beentouch? Quali vantaggi presenta rispetto i competitors molto più blasonati? All’interno di questo articolo forniremo una risposta a tutti questi quesiti ed a tanti altri.

Che cos’è Beentouch?

Alla visione del precedente spot, la prima domanda che ti sarai posto sarà stata sicuramente che cos’è Beentouch? Oppure, cosa fa Beentouch? Quindi rispondiamo subito dicendo che Beentouch è un’applicazione per chiamare e videochiamare in alta qualità. A questo punto starai pensando, ma ne esistono già tante di app per videochiamate tra cui la celeberrima Skype e la più recente WhatsApp. Perchè dovrei scaricare Beentouch per messaggiare, chiamare e videochiamare se ho già Skype e WhatsApp?

I vantaggi di Beentouch

Le chiamate e le videochiamate con Beentouch sono caratterizzate da una qualità elevatissima. Immagini fluide e ad alta risoluzione, suono limpido, il tutto con un basso consumo di dati. Sono proprio questi i principali punti di forza di questa nuova App, ovvero “alta qualità audio/video” e “basso consumo di dati“. Con Beentouch puoi comunicare, in modo completamente gratuito e sicuro, anche quando la connessione alla rete internet non è ottimale senza perdere tuttavia in qualità.

Tutto questo è reso possibile dall’utilizzo delle migliori tecnologie nel campo delle telecomunicazioni e di algoritmi che migliorano le performance delle tecnologie esistenti. Inoltre Beentouch si limita ad inviare solo lo streaming audio e video, a differenza di quanto fatto dalle altre app che trasmettono con lo streaming anche i dati dell’utente che vengono poi rivenduti a terze parti come informazioni di profilazione dell’utente. Tutto ciò consente quindi di abbattere notevolmente il quantitativo di dati inviato, risparmiando fino al 50% dei dati internet, e permette di avere un’alta qualità della comunicazione garantendo il massimo rispetto per la privacy degli utenti.

Come è nata Beentouch?

Beentouch è figlia di una giovane startup italiana ed è nata dall’idea del suo CEO Danilo Mirabile, giovane catanese studente di ingegneria informatica. Il giovane Danilo alle prese con una relazione amorosa a distanza, stanco di non riuscire a comunicare bene, promise alla sua amata, nelle vesti di esperto di informatica, di risolvere il problema. Si rivolse così al suo amico Alberto Longhi, anch’egli studente di ingegneria informatica ed attuale CTO di Beentouch, al quale chiese:

“Riusciamo a fare un software migliore di Skype?”

La domanda ebbe risposta affermativa e da lì è nata l’avventura di Beentouch. Il team è costituito oltre che da Danilo Mirabile ed Alberto Longhi, da altri quattro giovanissimi. Emanuele Accardo (studente di Ingegneria informatica), Federica Munzone (studentessa dell’Accademia Belle Arti, si occupa di design), Emanuela Toscano (laureata in Giurisprudenza, si occupa degli aspetti legali) ed infine Daniele Pecoraro (studente di Economia, si occupa del marketing).

Beentouch

Beentouch da dicembre 2016 è disponibile in tutto il mondo e mira a imporsi soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, dove esistono ancora le reti 2g.

Per iniziare a “Comunicare senza confini” non ti resta che scaricarlo dal Play Store.

Ti potrebbero interessare: