,

Marco Mengoni | Da “Ti ho voluto bene veramente” agli EMA

Dopo il Best Italian Act arrivato lo scorso 15 ottobre, e dopo i due titoli messi in bacheca del 2010 e 2013, Marco Mengoni si rivela essere uno degli artisti del palcoscenico musicale più amati dal pubblico italiano e internazionale vincendo il premio della categoria Best European Act. Ieri, infatti, il cantante 26enne, ha ritirato ritirare uno dei più ambiti riconoscimenti per gli artisti italiani. Seppur la voce era già nell’aria, l’artista è apparso emozionatissimo all’annuncio del premio; emozione dettata soprattutto dal fatto che l’importante evento aveva come location Milano, precisamente il Forum di Assago, teatro di eventi di livello internazionale.

Sono davvero troppo felice per questo riconoscimento che è più loro che mio, anzi è il nostro premio e ovviamente posso solo ringraziare il mio esercito per il loro grandissimo supporto! – dice Mengoni – Questa annata con il nuovo progetto discografico in uscita non poteva che iniziare così, nel migliore dei modi.

 

Il nuovo progetto discografico appunto. Un progetto che prende il nome di “Parole in circolo” e che è suddiviso in due album con differente uscita; il primo (1UNO di 2DUE), uscito a gennaio di quest’anno, che sta riscuotendo uno straordinario successo. In questo album sono contenuti i singoli che ci hanno accompagnato durante questo 2015; da “Guerriero” a “Esseri umani“, fino ad arrivare a “Io ti aspetto“, successo estivo impazzato nelle radio. L’uscita della seconda parte (2DUE di 2DUE) è prevista per la fine dell’anno.

Da apripista a questo nuovo album, è il singolo che nelle ultime settimane sta risuonando con insistenza nelle radio, ossia “Ti ho voluto bene veramente“, un inno all’amore perduto che, nonostante Mengoni cerca di dimenticare andando in un luogo fisicamente ed emotivamente lontano dalla donna da lui amata, rivede in qualsiasi cosa che lo circonda. Il rimpianto degli errori commessi non lasciano l’animo dell’artista che abbandona i luoghi a lui più familiari con una fuga solitaria, ma non riesce a lasciarsi alle spalle quel dolore così grande.

Così il cantante sul brano: “La canzone parla al presente e parla di Perché ti voglio bene veramente, invece il titolo parla un po’ al passato, è come un pò un gioco che ho fatto tra questi due tempi, tra passato e presente. Sicuramente poi la cosa importante è quello che succede dentro quindi il fatto di voler bene che è molto di più, secondo me, dell’amare una persona“.

Sul video invece: “Marco si risveglia frastornato e infreddolito senza capire o ricordare nulla del perché si trova lì. Per ritrovare la sua identità inizia a correre attraversando luoghi fortemente evocativi. Il canto è il corso dei pensieri, un flusso di coscienza che accompagna i sentimenti che ciascuno di noi prova durante una difficile ricostruzione personale. Sul finale, Marco arriva in un piccolo centro abitato, dove però…(“…to be continued”)

L’idea è quella di creare una sorta di mini-film a puntate con i video dei singoli che usciranno da qui in avanti. Un progetto di assoluto livello, molto ambizioso che sta dando già grandi frutti all’artista nostrano. Qui di seguito potete leggere il testo del brano e vedere il video.
Dai un’occhiata al video!

Acquista il nuovo singolo di Marco Mengoni “Ti ho voluto bene veramente”

Testo “Ti ho voluto bene veramente”

Così sono partito per un lungo viaggio
lontano dagli errori e dagli sbagli che ho commesso
ho visitato luoghi per non doverti rivedere
e più mi allontanavo e più sentivo di star bene

E nevicava molto però io camminavo
a volte ho acceso un fuoco per il freddo ti pensavo
sognando ad occhi aperti sul ponte di un traghetto
credevo di vedere dentro il mare il tuo riflesso
le luci dentro al porto sembravano lontane
ed io che mi sentivo felice di approdare
e mi cambiava il volto, la barba mi cresceva
trascorsi giorni interi senza dire una parola

E quanto avrei voluto in quell’istante che ci fossi
perché ti voglio bene veramente
e non esiste un luogo dove non mi torni in mente
avrei voluto averti veramente
e non sentirmi dire che non posso farci niente

Avrei trovato molte più risposte
se avessi chiesto a te ma non fa niente
e non posso farlo ora che sei così lontana

Mi sentirei di dirti che il viaggio cambia un uomo
e il punto di partenza sembra ormai così lontano
la meta non è un posto ma è quello che proviamo
e non sappiamo dove né quando ci arriviamo

Trascorsi giorni interi senza dire una parola
credevo che fossi davvero lontana
sapessimo prima di quando partiamo
che il senso del viaggio e la meta è il richiamo
perché ti voglio bene veramente
e non esiste un luogo dove non mi torni in mente
avrei voluto averti veramente
e non sentirmi dire che non posso farci niente

Avrei trovato molte più risposte
se avessi chiesto a te ma non fa niente
e non posso farlo ora che sei così lontana
Non posso farlo ora

Ti potrebbero interessare: