, ,

L’app di streaming TV Molotov ha raccolto un milione di utenti

La startup francese Molotov ( momentaneamente disponibile solo in Francia ) sta da tempo cercando di ridefinire il concetto di televisione. Pochi giorni fa, ha raggiunto un grande traguardo: un milione di iscritti. Andiamo ad analizzare il case history di streaming offerto da Molotov.

Cosa è Molotov?

Molotov è un’app che promette di fare alla televisione quello che Spotify ha fatto per il mercato della musica: creare un servizio on demand con i principali contenuti delle tv francesi a disposizione dell’utente.

Ad oggi, un utente medio spende ben 80 minuti al giorno sulla piattaforma, indicando cosi che Molotov sta diventando routine all’interno della vita dei propri utenti.

Ecco come Molotov cambia la TV

Al contrario di Netflix, Molotov non punta ad essere un enorme contenitore di film o serie TV, anzi, il palinsesto e le rigidità tipiche della tv di un tempo sono concetti superati da tempo.

Per gli utenti di oggi l’idea di sedersi davanti alla tv quando vogliono i direttori di rete è un’idea ormai superata e obsoleta: bisogna avere i contenuti a propria disposizione, accendendovi semplicemente su smartphone, tablet e (eventualmente) tv per goderne quando si ha tempo.

Molotov metta a disposizione nel suo palinsesto anteprime di show televisivi, fino ad arrivare a film trasmessi per televisione fino ad una settimana prima! Una vera è propria estensione della normale rete televisiva unificata in un’unica piattaforma online.

La maggioranza dei contenuti sono gratuiti ma conditi con spot, quelli a pagamento ovviamente saranno acquistabili in singolo o a pacchetto. Dopo lo sbarco francese si parla di Italia, Spagna e Germania.

Quindi  cosa ne pensiamo di Molotov? Beh in Francia, da come parlano i numeri, si è dimostrato un azzardo riuscito.

Per decretarne il successo assoluto però, si dovrebbe aspettare al lancio della piattaforma almeno a livello europeo.

E secondo te? Riuscirà a far cambiare le abitudini dell’utente medio nell’usufruire del servizio televisivo?

Dicci cosa ne pensi nei commenti 🙂

 

Ti potrebbero interessare: