, ,

Nascono le “professioni web” in Italia | Ecco il catalogo UNI 11621

Italia prima a varare le “professioni web”:  dal “reputation manager” al “Web Community Manager”

Grazie a internet sono nate nuove professioni 2.0 e altre figure professionali esistenti si sono aggiornate per stare al passo con i tempi.
Nonostante la crescente digitalizzazione delle imprese ha fatto emergere la necessità delle stesse di avvalersi di professionisti che si occupino esclusivamente dell’ambito ICT,  queste nuove professioni non hanno trovato – fino ad oggi – una giusta collocazione normativa, che riconoscesse loro delle specifiche competenze 2.0

italia nascono le professioni web

In molti si saranno chiesti di cosa si occupasse realmente un Web Community Manager o un Content Media Strategist, nomenclature straniere che sembravano tutte voler dire la stessa cosa. Invece no!

In soccorso a quelle che sono i nuovi profili professionali richieste dalle Aziende interviene la norma tecnica UNI 11621 – ¼  che disciplina e dà il giusto riconoscimento a dei profili altamente specializzati con delle specifiche tecniche che li differenzia, nonostante siano correlati e affini tra di loro.

 

Il mondo è cambiato, ce lo siamo detti più volte, e con esso il mercato del lavoro.

Queste nuove professioni del futuro richiedono competenze  sempre più verticali e specializzate, le cosiddette digital soft skills, e riguardano ogni ambito aziendale.

ITALIA PRIMA IN EUROPA NELLA REGOLAMENTAZIONE DEI PROFESSIONISTI ICT

Strano ma vero! L’Italia è il primo paese in Europa ad aver individuato in una norma tecnica le digital skills dei professionisti del web.

Un atto ormai dovuto e necessario visto che l’Europa da tempo evidenzia la necessità di quasi un milione di professionisti ICT da qui al 2020: professionisti esperti in digital, ormai canale essenziale per qualsiasi business.

professioni web in italia

L’Italia però si era già mossa precedentemente in tale direzione rendendo suo un documento CEN (Comitato Europeo di Normazione ) e chiedendo il riconoscimento del modello e-CF 3.0 da parte di tutte le nazioni europee tramite norma tecnica.

Le 40 competenze del framework sono classificate in base a cinque aree di attività ICT e sono collegate allo European Qualifications Framework (EQF) .

tabella eqf

Dovremmo avere una norma europea CEN entro l’estate del 2016 in cui l’ Italia avrà sicuramente un ruolo di primo piano.

Vediamo nei dettagli di cosa parla la norma UNI 11621 e quali professioni regolamenta!

LA NORMA UNI 11621

Pubblicata il 28 gennaio scorso, la norma è il frutto di una collaborazione tra l’associazione IWA Italy, il Gruppo Web Skills Profiles e UNINFO ( l’organismo delegato da UNI per la normazione tecnica in ambito informatico).

La norma è formata attualmente da quattro parti e la terza sezione delinea le professionalità operanti in Rete:

UNI 11621-1. Attività professionali non regolamentate – Profili professionali per l’ICT – Metodologia per la costruzione di profili professionali basati sul sistema e-CF. Contiene la definizione della struttura tipo dei modelli per la catalogazione dei profili professionali ICT.

UNI 11621-2. Attività professionali non regolamentate – Profili professionali per l’ICT – Profili professionali di “seconda generazione”.  Contiene i 23 profili professionali ICT di seconda generazione.

UNI 11621-3. Attività professionali non regolamentate – Profili professionali per l’ICT – Profili professionali relativi alle professionalità operanti nel Web. Contiene i profili professionali identificati per chi opera nel Web (25 profili professionali).

UNI 11621-4. Attività professionali non regolamentate – Profili professionali per l’ICT – Profili professionali relativi alla sicurezza delle informazioni. Contiene i profili professionali dedicati alla sicurezza informatica (12 profili professionali).

WIKIPEDIANO: UNA PROFESSIONE NUOVA DI ZECCA!

Tra le professioni ex novo vi è quella dell’esperto in Wikipedia.

In cosa consiste? Creare nuove voci nell’enciclopedia universale ed utilizzarla per diffondere in open data archivi pubblici.

wikepedia

Luca Corsato – colui che ha coniato la voce del “wikipediano” –  racconta:

“L’esperto di wikipedia è un bibliotecario potenziato, che sa ricercare le conoscenze e renderle comprensibili; quando nel 2013 la biblioteca Vez si è spostata a Villa Erizzo, il responsabile Michele Casarin mi ha contattato per potenziare i servizi, pur a fronte di un numero ridotto di postazioni e con Barbara Vanin abbiamo pensato di utilizzare Wikipedia, per trasferirvi parte del patrimonio storico della biblioteca, formando persone per arricchire le voci. Abbiamo creato la voce vetro di Murano, con 3 persone che hanno arricchito anche le voci storiche su Venezia, Mestre, gli Archivi storici. E’ stata una sfida “folle”, ma di successo”.