, ,

Natura bionica | E’ svedese la prima rosa sbocciata

All’università di Linkoping, in Svezia, i ricercatori sono riusciti a creare le prime rose completamente bioniche. Queste rose contengono dei filamenti molto sottili di polimeri che sono stati creati in laboratorio e che sono capaci di espandersi all’interno dei vasi linfatici del fiore, senza creare danni. Ecco la nascita della natura bionica.

natura bionica rosa

La nascita della natura bionica

Questi filamenti possono arrivare fino a 10 cm di lunghezza e trasportano segnali elettrici da e verso ogni punto del vegetale in questione. Le foglie sono in grado di trasformarsi in una sorta di schermo in cui ogni punto può essere stimolato elettricamente in diversi modi che permettono alla foglia di cambiare colore al seconda dello stimolo ricevuto.

La creazione della rosa bionica è dovuta all’intrecciarsi dell’elettronica organica con la biologia vegetale e la sua realizzazione è dovuta alla capacità di applicare sul campo i principi che permettono il funzionamento delle centrali elettriche al regno vegetale, riuscendo a sfruttare i sistemi di crescita a cui da vita l’energia riuscendo a far sbocciare il materiale bio-organico creato in laboratorio.

Una nuova fonte di energia?

natura bionica energia

Il responsabile dell’equipe che ha dato vita a questo progetto, Berggren, ha affermato: Il lavoro fatto finora è completamente nuovo, tanto che “ora possiamo davvero cominciare a parlare delle piante come ‘centrali elettriche’. Possiamo ad esempio mettere sensori nelle piante e utilizzare l’energia fornita dalla clorofilla, produrre antenne verdi o materiali completamente nuovi”.

Quindi le rose bioniche nascono non tanto per un a questione meramente estetica, ma per sfruttare ed estendere le normali proprietà elettriche delle piante verso orizzonti più ampi che possano permettere in un futuro prossimo processi di fotosintesi artificiale e la creazione di nuove celle solari in grado di crescere e adattarsi in modo autonomo alle esigenze energetiche dell’ambiente circostante.

Sempre più la tecnologia va a intersecarsi con i processi biologici dando vita a notevoli passi avanti nel campo della ricerca scientifica. Questi intrecci, se sfruttati con intelligenza e applicati a diversi campi, riusciranno con sempre maggior efficacia a migliorare la qualità e la durata della vita.

Ti potrebbero interessare: