,

Sai da dove viene la parola “SPAM”?

Fastidioso, irritante, noioso, invasivo e ripetitivo. Credo che non possano venire in mente altri termini per definire e spiegare lo spam. Tutti sappiamo cos’è e la nostra casella di posta anti – spam è sempre ben lieta di accogliere tutte le email indesiderate, ovvero messaggi di posta elettronica non richiesti per fini unicamente commerciali e promozionali.

Mentre è noto quasi a tutti il suo significato, ben pochi sanno quale sia l’origine etimologica dell’espressione.

Te lo sei mai chiesto? Ebbene, sappi che c’entrano il prosciutto e i Monty Python.

Ma procediamo con ordine.

 

L’etimologia della parola SPAM

La fonte originale del nome Spam è «Shoulder of Pork And haM» («spalla di maiale e prosciutto»). Altre spiegazioni possibili sono «SPiced hAM» («prosciutto aromatizzato»), «Spiced Pork and hAM» («maiale e prosciutto aromatizzati»), «Specially Processed Army Meat» («carne per l’esercito fabbricata in modo speciale») oppure «Specially Processed Assorted Meat» («carne mista fabbricata in modo speciale») per la versione light che contiene carne sia di maiale che di pollo.

 

spam_eggs_web

 

Sketch dei Monty Python

Il termine SPAM trae origine dalla famosa carna in scatola della Hormel Food Corporation e reso celebre dalla fortunatissima serie del Monty Python’s Flying Circus, programma di esilarante comicità britannica.

La BBC mandò in onda, per il dodicesimo episodio, uno sketch ambientato in una locanda in cui una coppia di coniugi, seduta accanto ad un tavolo di vichinghi, scopre che tutti i piatti del giorno sono alla base di SPAM: “uova e spam”, “uova pancetta e spam”, “uova pancetta salsiccia e spam”, “spam uova spam spam pancetta e spam” e così via.

Man mano che lo sketch avanza, si contrappongono la tenacia della cameriera nel proporre i piatti con spam e il rifiuto deciso della cliente, il tutto condito con esilaranti cori vichinghi che cominciano a cantare SPAM, SPAM, SPAM e il tutto è fomentato dal marito che invece ama la carne SPAM. Fino al culmine del finale dove il canto prende il sopravvento su tutto, con un ritornello che suona pressappoco così:  «SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM Lovely SPAM, wonderful SPAM!»

I Monty Python prendono in giro la carne in scatola Spam per l’assidua pubblicità che la marca era solita condurre.

 Dai un’occhiata al video! Ma prima perchè non ti iscrivi alla nostra newsletter? 😉

Ti potrebbero interessare: